Myanmar: la strada del cambiamento
104
post-template-default,single,single-post,postid-104,single-format-standard,bridge-core-2.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-26.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

Myanmar: la strada del cambiamento

La Banca Centrale del Myanmar ha dato il via libera alla seconda fase di concessione di licenze a banche straniere per poter operare sul territorio. Hanno risposto un totale di 13 banche, tra cui 8 di Taiwan. Altri paesi rappresentati saranno Vietnam, Corea del Sud, India e Mauritius. Malgrado i servizi bancari siano ancora in mano a poche istituzione finanziarie, questo sembra essere un ulteriore passo per la liberalizzazione di un settore totalmente chiuso fino a poco tempo fa.
Il paese sta attivamente cercando investimenti stranieri. E’ stata da poco emanata una legge che autorizza investitori stranieri a commerciare alcuni prodotti ad alta domanda, come fertilizzanti, pesticidi ed equipaggiamenti medicali.
Il Governo, che punta molto al turismo, ha inoltre autorizzato investimenti esteri nei settori food, hotel, spa e franchise business.

Fonte: Asia Focus – Bangkok Post 16 feb 2016

Antonio Baiano
info@antoniobaiano.it