La crescita del digitale in ASEAN: quali opportunità e quali settori?
1056
post-template-default,single,single-post,postid-1056,single-format-standard,bridge-core-2.5.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-23.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La crescita del digitale in ASEAN: quali opportunità e quali settori?

La crescita del digitale nell’intera regione ASEAN sta ulteriormente accelerando a causa della pandemia. Questa tendenza non riguarda solo il settore privato, ma anche enti governativi e attività pubbliche stanno sempre più investendo e strutturando questa soluzione. La situazione attuale ha visto uno sviluppo rapido e quindi un aumento della domanda nelle telecomunicazioni, nel lavoro da remoto, conferenze online, insegnamento a distanza, telemedicina, solo per fare alcuni esempi.

Con oltre 400 milioni di utenti internet nell’intera regione, il digitale si presenta come un’opportunità davvero interessante. Quali sono le effettive opportunità e quali i settori specifici?

Proprio la pandemia ha messo in risalto quanto sia utile che tecnologia e informazione siano integrate nel settore sanitario. Innovazione e R&D saranno le linee guida che porteranno le maggiori opportunità nella telemedicina. Pensiamo ad esempio allo sviluppo di App sanitarie per il contatto ospedale/paziente, sistemi di lavoro da remoto per medici, per archivio, per dati sui pazienti.  Mentre Singapore rimane il principale hub per le startup tecnologiche nel settore sanitario, grazie agli incentivi e supporti offerti dal governo locale, investimenti stranieri potrebbero guardare verso mercati vasti e interessanti, quali Indonesia e Malesia.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al settore dell’insegnamento a distanza. Con la chiusura diffusa delle scuole e la necessità per gli studenti di tutte le età di continuare a imparare da casa dopo lo scoppio dell’epidemia lo scorso anno, è seguita una corsa alla digitalizzazione delle attività di tutoraggio e di insegnamento. Forte è il segnale che arriva dalla Thailandia, dove il mercato dell’apprendimento online dal vivo sta crescendo più rapidamente del resto del settore dell’istruzione perché è relativamente nuovo. Interessanti anche gli investimenti che si stanno dedicando alle tecnologie che permettano di far interagire scuola e mondo del lavoro, con particolare attenzione alle università. Per accelerare e agevolare gli investimenti sul digitale, il Thailand Board of Investment (BOI) lo scorso 4 gennaio ha approvato una serie di misure  dedicate particolarmente a industrie e settori di primaria importanza.

Uno sguardo all’e-commerce: secondo un recente studio della Bain & Company in collaborazione con Google e Facebook, si stima che i digital consumers nella regione ASEAN spenderanno tre volte quello che spendono oggi. Lo studio ha stimato che la spesa media di USD 125 del 2018, passerà a USD 390 entro il 2025. Maggiori tecnologie e disponibilità economica in crescita risultano essere i fattori principali di questa tendenza. Il rapporto prevede anche un aumento fino a oltre 310 milioni di consumatori entro il 2025, rispetto ai 250 milioni del 2018 e i 90 milioni del 2015.

La pandemia ha accelerato tale processo e sta creando anche una sorta di “digital transformation” riguardo la tipologia di acquisti. Al vasto panorama degli acquisti online, si sta affiancando un forte aumento di acquisti di generi di prima necessità, un’abitudine destinata a rimanere post-pandemica. App popolari in Thailandia come Lazada e Shopee hanno visto un incremento superiore al 60% di download su base settimanale. Marketplace come Tokopedia, ShopBack, Shopee e Lazada hanno registrato un incremento superiore al 10% di traffico in Vietnam, Singapore e Indonesia.

L’ASEAN è la quinta economia mondiale dagli outlook futuri molto positivi; saranno quindi tecnologia e digitalizzazione a giocare un ruolo fondamentale nell’intero sistema. Si guarda molto verso il 5G che potrebbe veramente essere una rivoluzione. Si prevede che l’ASEAN avrà bisogno di investimenti da 11 a 18 miliardi di dollari per implementare reti 5G nella regione, con l’obiettivo di raggiungere circa 200 milioni di persone entro il 2025. In questo momento è Singapore a guidare la squadra ASEAN nel 5G, con i primi servizi già introdotti negli ultimi mesi del 2020 e con l’obiettivo di coprire l’intero paese entro il 2025. Seguiranno Thailandia, Vietnam e Malesia.

Antonio Baiano
info@antoniobaiano.it