Energia da fonti rinnovabili: la sfida dei paesi ASEAN
984
post-template-default,single,single-post,postid-984,single-format-standard,bridge-core-2.5.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-23.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Energia da fonti rinnovabili: la sfida dei paesi ASEAN

I paesi ASEAN hanno fissato un ambizioso obiettivo da raggiungere entro il 2025: garantire che il 23% dell’energia primaria provenga da fonti rinnovabili.

E’ considerata una grande sfida, comunque incentivata dal fatto che, secondo la International Renewable Energy Agency (IRENA),  la domanda di energia dell’intera regione è destinata a salire del 50%. La regione, forte della sua crescita economica, non solo dovrà affrontare l’aumento della domanda ma anche tutte le nuove dinamiche di domanda e offerta che si allineano sempre più alla globale tendenza verso energie “green”.

A conferma che la direzione è quella giusta c’è anche un rapporto del Southeast Asia Energy Outlook che specifica come questo processo porterà un ulteriore beneficio anche alle industrie manifatturiere locali. La Malesia, ad esempio, è tra i principali produttori di celle fotovoltaiche, mentre la Thailandia già da tempo sta incrementando gli investimenti, proponendosi sempre più marcatamente a livello globale. Nonostante le reali opportunità esistenti e le politiche appropriate, i paesi dovranno tenere conto di alcune criticità che ben definiscono il progetto con il termine “sfida”. Lo sviluppo di progetti di energia rinnovabile nella regione può risultare un conto costoso da pagare per alcuni  paesi del sud est asiatico, in quanto l’accesso finanziario è considerato un fattore rilevante per lo sviluppo di progetti di questo tipo. Un altro fattore  è la mancanza di esperienza e competenza in alcuni stati membri dell’ASEAN proprio nella valutazione dei rischi degli investimenti in energie rinnovabili. Alcuni paesi presentano poi difficoltà “tecniche” legate a normative e rapporti tra pubblico e privato. Esiste poi anche una criticità “geografica” strettamente legata a specifici territori che, per loro conformazione, renderebbero problematiche le capacità infrastrutturali al servizio della diffusione di energia rinnovabile; pensiamo ad esempio alla particolare conformazione ad arcipelago di Filippine e Indonesia. In molte aree della regione servirebbero poi delle ampie azioni di vera e propria comunicazione e formazione, a causa di una diffusa mancanza di consapevolezza sui benefici delle energie rinnovabili.

La sfida deve essere vinta. Innovazione tecnologica, R&D e in particolare incentivi agli investimenti, sono alcuni degli elementi delle politiche sempre più condivise con obiettivi comuni che i paesi della regione stanno mettendo in campo e che rendono interessante e appetibile questo vasto settore.

Antonio Baiano
info@antoniobaiano.it