Corea del Sud: dati sul consumo di olio di oliva
251
post-template-default,single,single-post,postid-251,single-format-standard,bridge-core-2.7.6,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-26.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.6.0,vc_responsive

Corea del Sud: dati sul consumo di olio di oliva

Il consumo di olio di oliva sembra aver conquistato una percentuale significativa di consumatori in Corea del Sud. Alla fine del periodo di raccolta 2014/2015, l’import di olio di oliva ammontava a 16.352 tonnellate, una leggero calo percentuale pari al 7% rispetto alla stagione precedente, ma il paese segna una crescita notevole se consideriamo il significante incremento del 71% rispetto il periodo 2008/2009.

Sempre riguardo il periodo 2014/2015, la Spagna domina con un 71%, seguita dall’Italia con il 25% e dalla Turchia con il 2%. I rimanenti 2 punti percentuali comprendono Grecia, e alcuni atri paesi.

Per quanto concerne la tipologia, ecco i dati: extra vergine e vergine 72%, olio di oliva raffinato 9%, olio di sansa 19%

Antonio Baiano
info@antoniobaiano.it